pedevilla architects e Campomarzio + Michele Moresco sono Architetto Italiano e Giovane Talento
consulta AL-ArchitettoAnno2023- 910x485

La Festa dell’Architetto ha chiuso a fine ottobre anche l’edizione 2023 dei premi Architetto Italiano 2023 e Giovane Talento dell’architettura 2023, incoronando pedevilla architects e Campomarzio + Michele Moresco per due progetti realizzati a San Leonardo in Passiria, in provincia di Bolzano. La giuria, presieduta da José Ignacio Linazasoro e composta da Javier Arpa Fernández, Federico Aldini, Alessandra Segantini e Alberto Lessan, ha anche dato tre menzioni, due nella categoria maggiore e una fra i giovani: sono Labics e B22 e Carlo Venegoni e Camilla de Camilli.

La giuria ha fatto una non secondaria premessa alle sue valutazioni: “La giuria pur avendo evidenziato l’elevata qualità diffusa degli Studi partecipanti, soprattutto nella categoria Giovane Talento, ha notato la predominanza di progetti a committente privato, soprattutto inseriti in contesti non urbani. Questa condizione sembra scostarsi dal DNA dell’architettura italiana (ed europea) in generale che ha sempre privilegiato lo spazio pubblico come spina dorsale del progetto, indipendentemente dalla natura della Committenza, fosse essa pubblica o privata. L’auspicio della giuria agli architetti italiani è quella di voler recuperare la dimensione urbana e di riflessione sullo spazio pubblico qualunque sia la natura dell’intervento”.

Architetto italiano 2023: pedevilla architects con la Casa di Riposo Santa Barbara a San Leonardo in Passiria (Bz, 2022)
Motivazione
: Dall’analisi delle cinque opere presentate (evidenziando il carattere speciale sia in termini economici che paesaggistici del contesto altoatesino che è Regione a statuto speciale), la giuria ha apprezzato la capacità degli architetti di rendere coerenti le diverse scale del progetto, dall’inserimento paesaggistico al dettaglio costruttivo (che non è mai convenzionale o scontato), la capacità di tradurre il linguaggio vernacolare reinventandolo con l’utilizzo di forme e materiali differenti raffinati e contemporanei ma, al contempo, fortemente legati al territorio, la capacità di rigenerare l’esistente reinventando le tecniche costruttive locali e traghettandole a una nuova contemporaneità che si nutre di quelle radici.
I progetti presentati, inseriti in paesaggi rurali montani, evidenziano una particolare attenzione e cura che riflette i valori della sostenibilità ambientale, della cura sociale, ma anche della sostenibilità economica. Quest’ultimo aspetto, solitamente sottovalutato, soprattutto nei lavori pubblici come la casa per anziani, è una sfida per l’architettura contemporanea che gli architetti sembrano aver vinto.

Menzioni
Labics con il progetto dello spazio espositivo di Palazzo dei Diamanti a Ferrara (2023): La menzione è stata assegnata non solo alla produzione complessiva dello studio ma anche al contributo di ricerca teorica che gli architetti hanno offerto alla professione grazie alle loro pubblicazioni e contributi. Il progetto presentato rappresenta un caso emblematico della difficoltà di operare in un contesto vincolato, e quindi della grande capacità dello studio di saper mediare le tensioni tra i diversi attori coinvolti nel processo progettuale. Il lavoro complessivo dello studio manifesta una esemplare capacità di intervento a tutte le scale.
B22 e Carlo Venegoni con SON Cascina San Carlo a Milano (2022): Il progetto presentato è stato considerato particolarmente rilevante per la capacità di instaurare un rapporto con la città, per la sensibilità delle soluzioni in riferimento all’utenza fragile e per il valore compositivo e formale. La volontà precisa di riconoscere al progetto di architettura la necessità di lavorare alla scala urbana è cifra distintiva di questo ed altri progetti dello studio.

Giovane Talento dell’architettura italiana: Campomarzio + Michele Moresco con il Centro sportivo S. Martino in Passiria (Bz, 2023)
Motivazioni
: È stato riconosciuto unanimemente dalla giuria come il migliore progetto presentato nella categoria Giovane Talento. Si tratta di un lavoro pubblico, risultato vincitore di un concorso internazionale.
Il progetto si innesta in modo sensibile nel paesaggio, senza rinunciare a costruire un nuovo elemento forte e identitario per la comunità. La semplicità delle soluzioni costruttive riflette un uso sapiente dei materiali e dei dettagli costruttivi che è sempre ricercato ed elegante.
Basandosi su questi elementi, la giuria ha apprezzato sia il lavoro presentato, sia la traiettoria di ricerca del Collettivo Campomarzio che, coniugate insieme, sono importanti traiettorie di crescita.

Menzione
Camilla De Camilli con la Casa del Custode a Bologna (2022): Nonostante la giovane età, De Camilli è stata premiata per un progetto che denota un sapiente uso dei materiali e delle tecniche costruttive messe in forma attraverso uno studio raffinato ed elegante del dettaglio costruttivo che rappresentano una importante traiettoria per raggiungere la maturità espressiva.


 

06 Novembre 2023

CONDIVIDI
  • Stampa Articolo
  • Invia Articolo
IN EVIDENZA
CALENDARIO EVENTI
PROSSIMI 10 EVENTI      
19
GIU
“Arte e spazio - IV edizione”
 17:00 - 20:00   via Solferino 17 + webinar   sede dell'ordine + webinar 
26
GIU
“Arte e spazio - IV edizione”
 17:00 - 20:00   via Solferino 17 + webinar   sede dell'ordine + webinar 
26
GIU
Webinar “Protezione civile. Il ruolo delle professioni tecniche”
 09:30 - 13:30   webinar   webinar 
SEGUICI SUI SOCIAL
UTILITÀ
  • Privacy Policy
  • Cookie Policy
  • Condizioni d’uso
  • Credits
  • Webmaster
comunicazione@architettilombardia.com